martedì 23 giugno 2020

LE MEDITAZIONI DEI FIORI DI BACH: UN AIUTO GUIDATO PER ELEVARE LA TUA ENERGIA

Una delle tecniche che utilizzo più spesso durante gli incontri individuali con le persone è la MEDITAZIONE GUIDATA.

E' uno strumento che trovo fantastico e che ho personalizzato in questi anni di pratica quotidiana arrivando a mettere a punto un tipo di esercizio guidato che trovo molto valido per i riscontri che ho.

Quando ho davanti a me la persona che mi espone una sua problematica fisica o emozionale, la guido nell'ascolto e nell'accoglienza di questi malesseri attraverso l'osservazione del corpo, poiché quest'ultimo esprime esattamente e con molta precisione il nostro disagio.

Non esistevano ancora però delle MEDITAZIONI DEI FIORI DI BACH.
Che cosa significa?

Servono, a mio avviso, delle meditazioni guidate che ci aiutino a connetterci con l'energia di ogni fiore, per abituarci, praticando la o le meditazioni più indicate per noi, ad aumentare la nostra energia.

Aumentare l'energia non significa solo essere più "forti" fisicamente, ma vuol dire soprattutto elevarci a uno stato di coscienza più evoluto, il che fa sì che la realtà esterna cominci a prendere una piega migliore, poiché tutta la realtà esterna, le esperienze che facciamo, sono nient'altro che uno specchio di chi siamo, cioè dell'energia che emaniamo.

Un esempio banale: chi ha paura di alcuni animali, attira sempre quel tipo di animali.

Questo meccanismo è valido per ogni cosa esistente, quindi se desideri conoscerti meglio, osserva la realtà che ti circonda, le esperienze che fai e le persone che incontri. Loro sono il tuo specchio.

Le MEDITAZIONI DEI FIORI DI BACH, disponibili per l'acquisto a questo link , sono uno strumento comodo e praticabile da chiunque per elevare le nostre energie a una vibrazione più alta, così da cominciare a migliorare i nostri stati d'animo, innanzitutto, e poi a creare una realtà esterna migliore.

Ogni meditazione che troverai al link indicato è dedicata a un tema specifico. 
I temi comprendono a qualsiasi emozione che possiamo definire negativa, perciò c'è una possibilità di miglioramento per chiunque.

Potrai beneficiare dell'efficacia delle sole meditazioni oppure assumere la tua miscela personalizzata di essenze e contemporaneamente beneficiare dell'aiuto ulteriore delle meditazioni dei Fiori di Bach, oppure potrai scegliere di implementarle al corso online da te seguito.

Potrai utilizzarle come meglio credi e ogni volta che lo vorrai.

Solo ti consiglio di non ascoltarle mentre guidi poiché la meditazione è una pratica da svolgere preferibilmente in solitudine e in un momento di tranquillità.

Buona pratica! :-)



lunedì 22 giugno 2020

I MIEI LIBRI: UN AIUTO PER CREARE CONOSCENZA DI SE'

I libri sono nati dal desiderio di aiutare le persone a trovare i supporti naturali più affini a loro stesse.

 

Il Manuale di Floriterapia edito da Edizioni Enea è il testo raccomandato dalla Scuola SIMO di Milano per il loro corso di Floriterapia e rappresenta il manuale più completo esistente a oggi in Italia.

In particolare, tengo molto al primo capitolo del libro dove spiego le 7 Leggi Universali che ci regolano e che stanno alla base della comprensione di come funzioniamo.

Letto e compreso questo primo capitolo, non solo sarà più facile capire le proprietà delle essenze descritte nel manuale per utilizzarle al meglio per l'auto cura, ma sarà soprattutto più semplice comprendere te stesso e come funzioni, cioè come funzioniamo tutti in quanto esseri umani sottoposti a leggi naturali imprescindibili.

Per acquistare il Manuale di Floriterapia clicca QUI.


L'eBook dedicato all’autocura dell’endometriosi, intitolat "Endometriosi: si può autoguarire" è nato dal desiderio di fornire un aiuto alle tante donne che mi scrivono per avere dei consigli su come aiutarsi a curare anche con metodi naturali e olistici questa malattia così diffusa al giorno d’oggi.

Grazie alla sola lettura di questo eBook, disponibile in italiano e anche in inglese, molte donne hanno trovato grandi benefici fisici e nell'umore, e questo mi riempie il cuore di gioia poiché questo testo è il frutto di una mia esperienza personale e professionale che ho voluto trasmettere.

Ci tenevo molto a far sapere alle donne che abbiamo un potere di auto-guarigione immenso se solo riconosciamo chi siamo e il fatto di averlo e che l’autoguarigione è possibile, senza crearsi illusioni, ma sapendo che si può attuare, attraverso un percorso interiore di consapevolezza sul nostro ruolo femminile.

Per questo argomento ti invito anche a leggere gli articoli e le testimonianze pubblicati su questo blog.

Per scaricare l'eBook clicca QUI.


LA CONSULENZA CON IL TERAPEUTA: QUELLA NUOVA ED EFFICACE

Perché tu possa beneficiare pienamente del supporto e della guida che un terapeuta come me può offrirti, partiamo da alcune premesse e cominciamo a sfatare un falso mito:

dal terapeuta o dallo psicologo NON si va per “sfogarsi”.

Il terapeuta è un essere umano come te, non è un Dio che ha capito tutto della vita e ha raggiunto la pace dei sensi, ma è una persona che prima di te ha fatto e continua a fare un percorso interiore e anche per questo motivo è da rispettare, intraprendendo con lui un rapporto di collaborazione reciproca e di fiducia.

Se intendi cominciare un percorso di autoguarigione/evoluzione/crescita personale, e vai dal terapeuta a raccontargli cosa hai fatto durante la settimana o il mese con lo scopo di lamentarti e scaricare un po’ della tua pesantezza su di lui, per poi sentirti più leggero e ricominciare ad accumulare frustrazioni da scaricare durante la prossima seduta, sappi che non funziona così, almeno non con me.

A me non piace lavorare così, non lo trovo utile né per me né per te.

Inizialmente accettavo anche sedute di questo tipo, ma poi ho visto che non portavano a nulla.

Quando ho davanti una persona che si lamenta della sua vita senza voler cambiare la sua situazione, mi annoio da morire, mi cala l’energia (oltre che la palpebra!) e non trovo la motivazione per aiutarla perché se percepisco che mi viene richiesto di fare il lavoro al posto di chi ho davanti, perdo lo stimolo ad aiutare, poiché non posso mettere io la mia energia in sostituzione alla responsabilità che ha la persona verso se stessa. 

Tu hai la meravigliosa responsabilità di SCEGLIERE ciò che vuoi e di AGIRE per ciò che desideri, senza aspettarti che lo faccia un altro per te. 

Questa è la mentalità del farmaco, ormai obsoleta. Nemmeno i farmaci molte volte ci tolgono il sintomo. La guarigione è una nostra SCELTA e una nostra RESPONSABILITA'.


Durante una consulenza, è compito del terapeuta stare sul pezzo e aprirsi a livello empatico per donare comprensione e ascolto a chi ha bisogno di aiuto, per poi consigliare e suggerire azioni, tecniche e eventuali esercizi che la persona metterà in atto e che possano migliorare via via la sua condizione e la sua salute psico-fisica.

Perciò, anche se magari non sembra, il terapeuta che lavora con il cuore ci mette anima e corpo in quel momento in cui ha a che fare con la persona che ha davanti.

Capisci allora che non ha senso andare dal terapeuta a lamentarsi e a sfogarsi.

Non serve a niente, né a te, né alla terapia.

Ma, se la persona ha l’INTENTO DI GUARIRSI a tutti i livelli, di evolvere e di crescere, e cerca un AIUTO per fare questo, raccontando sì ciò che non va, ma con l'obiettivo di sapere come trasformare tutto ciò, allora il lavoro del terapeuta diventa il lavoro più bello del mondo, appassionante, motivante, e personalmente, in un setting di questo tipo, divento piena di energia per aiutare l’altro.

Fatta questa importante premessa, che può cambiare in meglio il modo in cui ci hanno abituati ad andare in terapia, tocchiamo l'altro punto importante:

la floriterapia, che è lo strumento che io prediligo, fa tanto, è vero. Quando la persona è aperta a un cambiamento interiore e si lascia guidare, può beneficiare al meglio del potere dei fiori, ma al giorno d’oggi non siamo ancora pronti ad assumere semplicemente la nostra miscela di essenze floreali senza avere chiari degli obiettivi a cui mirare. Spesso ci incasiniamo ancora di più, anche se i fiori non hanno controindicazioni o effetti collaterali per la salute fisica.

I fiori smuovono nel profondo, seppur con la loro delicatezza e la loro saggezza, pertanto è bene essere consapevoli dei cambiamenti interiori a cui andremo incontro mossi dal nostro desiderio di guarire/crescere e poi, solo come conseguenza, spinti dall’energia superiore dei fiori.

Non si assumono i fiori con lo stesso approccio che usiamo per i farmaci.

E’ vero che i fiori sono naturali e innocui, ma se li assumiamo con questa modalità da farmaco non ne sentiremo i veri benefici e la stessa cosa vale per l'omeopatia o qualsiasi altro prodotto naturale.

Anche in questo caso, la premessa fondamentale è la tua SCELTA di voler trasformare quelle parti di te ancora in ombra e di assumerti la responsabilità di questo processo.

Ecco anche perché spesso, se vai dal farmacista o dall’erborista a farteli preparare spiegando in 5 minuti come stai, difficilmente potrai beneficiare del grande potenziale di trasformazione della floriterapia.

Devi metterci la faccia, e non solo, se vuoi stare meglio e risolvere i tuoi problemi. 

Per poterne beneficiare al meglio è necessario intraprendere un vero e proprio percorso dove sarai guidato e sostenuto dal terapeuta e dalla floriterapia, oltre che da varie tecniche olistiche che implemento strada facendo.

Né i fiori né il terapeuta faranno il percorso al posto tuo, ma sarai tu, attraverso l’aiuto del terapeuta e/o della floriterapia, o di qualsiasi altro prodotto naturale o tecnica olistica, a compiere il miracolo, se questo deve accadere.

Ecco perché, ripeto, non si va dal terapeuta a sfogarsi e non si assumono i fiori come se fossero il farmaco naturale che ci toglie il sintomo. NO.

Non funziona così. Troppo comodo e troppo poco produttivo.


Bisogna tirarsi su le maniche e agire, prendere delle decisioni che ti aiuteranno a stare molto meglio. Allora il tutto funziona e anche alla grande, e su questo blog puoi leggere un sacco di testimonianze di gente che l’ha fatto e lo sta facendo stando meglio e risolvendo un sacco di questioni nella sua vita, oltre che di malesseri fisici, semplicemente agendo sulla parte emozionale che è sempre parte in causa di ogni malattia fisica.

Con ciò non voglio dire che questo approccio è infallibile, sia ben chiaro.

Nulla è infallibile, o per meglio dire: quel che conta è il percorso e ciò che impari durante il percorso. E’ questo che ti fa crescere, evolvere, guarirti.

Molte persone durante il loro percorso mi confidano che arrivano a ringraziare la malattia per averli portati a migliorare tanti aspetti della loro vita, a volte anche se non è avvenuta l’autoguarigione, e questo è il VERO scopo della malattia e del percorso interiore.

Noi proviamo sempre a migliorare la situazione e a puntare all’autoguarigione, ma la Vita è molto più grande e saggia di noi e sa meglio di noi cosa è bene. Perciò l’atteggiamento più corretto è quello di essere umili, pur facendo del proprio meglio per se stessi, e senza accanimento.

Anche i bambini beneficiano tantissimo di questi grandi aiuti naturali perché loro sono più “puliti” di noi, più puri, non si sono ancora create in loro tutte le convinzioni malate che poi portano un adulto a sviluppare disturbi della personalità e/o disturbi psico-fisici.

E nel caso di un bambino, è sempre consigliato lavorare anche sul genitore, poiché la maggior parte dei problemi dei figli nascono dai genitori.

In questo modo si può fare un buon lavoro.

Ora, spiegate bene queste premesse che possono contribuire a cominciare il tuo percorso con il piede giusto, se hai voglia di metterti in gioco con te stesso, puoi scegliere la modalità di colloquio che più ti aggrada, tramite videochiamata o in studio di persona, scrivendomi una mail a info@terapiafloreale.it o inviando un messaggio al 328 8171805.

Il costo dell'incontro è di 70 euro comprensivo di miscela di essenze floreali consigliata e avviene all'incirca una volta al mese per la durata di un'ora.

Oppure, se non te la senti ancora di confrontarti con un terapeuta in carne ed ossa e preferisci provare a guarire a tu per tu comodamente a casa tua, senza spostarti, allora non sarai veramente solo, perché potrai essere accompagnato da questo CORSO online che ti offrirà degli strumenti efficaci per fare luce in te stesso e cominciare a evolvere la tua energia, migliorando la tua vita.

Oltre al corso, ti consiglio di beneficiare delle MEDITAZIONI dei Fiori di Bach, che trasmettono l’insegnamento e l’energia di ogni maestro floreale aiutandoti a sintonizzarti su una frequenza più elevata.

Le meditazioni le trovi a questo link: https://gumroad.com/terapiafloreale

Di tutto cuore, ti auguro uno splendido e super evolutivo percorso!

CHI SONO E COME LAVORO

Mi chiamo Cristiana Zenoni e sono una donna che ha fatto e continua a fare un meraviglioso percorso dentro se stessa.

Con “meraviglioso” intendo tante cose:

potente e anche arduo, pieno di soddisfazioni e a tratti impegnativo; è un percorso che nessuno può fare al posto tuo, perché riguarda te, la tua anima, il tuo profondo, il tuo “Io Sono”.

Un percorso che ti aiuta a conoscere chi sei e nel mentre porta equilibrio nel tuo modo di relazionarti e nel tuo modo di agire in tutti gli ambiti della tua vita.

Se poi, come me, hai scelto di metterti al servizio di qualcosa di più grande per aiutare le persone a evolvere e ad autoguarirsi, allora non puoi solo aver conseguito un diplomino o una laurea, ma è soprattutto passando attraverso la scuola della vita e trasformando il tuo dolore che puoi aiutare, a tua volta, gli altri a stare meglio, a realizzarsi, a ritrovare se stessi, a guarire disturbi fisici, psicologici e della personalità.

Da quel che ho imparato e capito fino ad ora, non può un terapeuta che lavora con le leggi universali, aiutare una persona se prima non ha sperimentato, o sta sperimentando, qualcosa di simile a quel che sta passando lei in quel momento.

Come potrei trasmetterti un concetto, un insegnamento, se lo avessi solo letto da qualche parte senza averlo sperimentato? La mia parola avrebbe valore pari a “zero”.

Così, credo che “qualcosa” di infinitamente più grande mi abbia guidata e mi guidi attraverso certe esperienze per preparami non solo a essere sempre più chi sono, ma anche per aiutare autenticamente chi si rivolge a me in terapia.

Mi sono specializzata in floriterapia, ma non utilizzo le essenze floreali in modo convenzionale; mi piace trasgredire le regole e miscelare essenze di vari repertori, aggiungere se necessario acque mariane e il numero di essenze che mi viene ispirato in quel momento, con lo scopo di creare delle miscele potenziate, pensate e create su misura per la persona che ho davanti, così che possa essere accompagnata quotidianamente da un’energia più alta che la aiuterà a fare luce su se stessa.

Non utilizzo i fiori come semplice strumento, ma mi lascio guidare dall’energia di questi Maestri naturali che ci insegnano come stare al mondo in modo più sano e consono con il nostro essere.

All’aiuto dei fiori aggiungo anche, ove necessario, altre tecniche olistiche come il reiki, l’aurasoma, le costellazioni familiari, l’armonizzazione del grembo per le donne, tecniche di meditazione guidata per la risoluzione dei sintomi fisici, la mia esperienza personale e professionale, e tutto questo viene svolto sempre con un approccio basato sull’empatia e il rispetto dell’anima che ho davanti, con molto cuore (e testa al servizio di quest’ultimo).

In un mondo come quello di oggi dove tutti si improvvisano “guaritori” dopo aver letto qualche libro o aver conseguito un semplice attestato di partecipazione a qualche corso, è opportuno per te scegliere di farti guidare da chi ha voglia di aiutarti davvero e sta “pulendo” molto di se, e non è lì solo per soddisfare il suo e il tuo ego.

Mi piace lavorare così, e se vuoi approfondire, ti invito a leggere questo post sul blog:

http://terapiafloreale.blogspot.com/2019/05/non-sono-la-terapeuta-giusta-per-te.html


domenica 27 ottobre 2019

ATTACCHI DI PANICO: LA RISOLUZIONE DI GAIA



Sono felice di condividere con voi, cari amici di questo blog e del mondo della floriterapia, la bellissima testimonianza di Gaia che ha risolto i suoi disagi e ha scoperto una nuova Sè grazie all'aiuto dei fiori e una grande forza interiore, quella di mettersi in gioco e cambiare gli atteggiamenti e i pensieri che remavano contro di lei.
Grazie di cuore a Gaia per il suo racconto e per la disponibilità a condividerlo così che possa essere d'aiuto a chi soffre d'ansia e di attacchi di panico.


Cari lettori, vorrei fare una premessa: 
spero che questa mia storia possa essere di aiuto a qualcuno che come me non è stato bene ma è riuscito a guarire dai fastidiosissimi attacchi di panico. 
Vorrei anche ringraziare la mia Floroterapeuta e amica Cristiana per il percorso e per le belle parole oltre che all’aiuto immenso che mi ha dato.

Mi chiamo Gaia e ho 23 anni e ho sofferto di attacchi di panico fin dai tempi del liceo. 
Il mio fidanzatino, a quel tempo, era il classico “bel ragazzo secchione” con dieci in tutte le materie ed io invece la ragazzina di paese molto timida e semplice che andava bene a scuola ma non ai suoi livelli. La sensazione di inadeguatezza era talmente alta che purtroppo comparvero i primi attacchi di panico (tachicardia, eccessiva sudorazione, stomaco chiuso e cuore in gola) e anche i primi disturbi alimentari. 
Poi, piano piano quando toccai il fondo e guardandomi allo specchio avevo paura di cosa ero diventata decisi di dare una svolta a tutto …piano piano ripresi a mangiare almeno il minimo sindacabile, tornai a sorridere e iniziai a mettere ME STESSA E LE MIE ESIGENZE PRIMA DI TUTTO IL RESTO
Gli attacchi scomparvero improvvisamente esattamente come erano arrivati.

Pochi mesi fa, in seguito ad un grave malessere di un amico tornarono…tornò la sensazione di gola chiusa, l’ansia si impossessava del mio corpo e della mia mente proprio dal nulla e più io provavo a controllarla più lei aumentava la sua forza. Nulla era in grado di farmi stare bene…la mia testa era continuamente “bombardata” di domande esistenziali per trovare una risposta lecita al malessere di quest’amico che fino a poche ore prima stava benissimo e poco dopo era sul punto di non ritorno. 
Oltre a questo, il rapporto con la mia famiglia si può dire che era praticamente inesistente. Durante la settimana il lavoro mi teneva sempre fuori casa e il week-end era dedicato tutto al mio fidanzato… continue liti, continui “FACCIO FINTA DI NIENTE COSì MAGARI LA SMETTONO” oppure “FACCIO COME VOGLIONO LORO MAGARI CAMBIA QUALCOSA” ma nessun risultato. 
Mi sentivo OSPITE A CASA MIA e fuori casa mi sentivo comunque fuori posto.

Tutto quello che era stato gestibile fino a quel momento purtroppo non lo era più. Sentii parlare da un’amica dei fiori di Bach e delle loro proprietà curative contro gli attacchi di panico e decisi così di chiedere consiglio a Cristiana.

Durante i giorni di attesa continuai a pensare (non mi era difficile farlo, sembrava proprio che la mia mente non riusciva a smettere di farlo) a cosa sarebbe uscito da questa esperienza e se sarei riuscita a stare bene finalmente. La prima volta che ci siamo incontrate ero un pochino in imbarazzo ma lei pensò subito carinamente a mettermi a mio agio…
il discorso rimase principalmente incentrato sul rapporto MADRE-FIGLIA che avevo instaurato negli ultimi anni con mia mamma…. Ne uscì che il nostro rapporto AMORE-ODIO era diventato un rapporto di DIPENDENZA L’UNA DALL’ALTRA
Eravamo così vicine ma allo stesso tempo lontane che l’unico modo per riuscire a dimostrarci affetto era quello di URLARCI IN FACCIA LE COSE (non sempre carine e con i dovuti modi) …era un continuo CERCARE DI COMPIACERLA PER PROVARE A FAR FUNZIONARE LE COSE…nessun risultato anzi tutto solo peggio perché così facendo ho solo finito per SOFFOCARE ME STESSA

La mia famiglia sosteneva che il mio atteggiamento era stato modificato dalla presenza di Marco nella mia vita (il mio fidanzato da quasi 6 anni) …loro rimanevano nella loro convinzione che lui era la colpa di tutto e io invece nella mia secondo la quale la mia famiglia voleva CONTROLLARE la mia vita e le MIE SCELTE
Ricordo molto bene i consigli di Cristiana che dicevano: “SANO DISTACCO DALLE COSE CHE TI VENGONO DETTE perché spesso chi le dice è perché ha subìto, o si sente così non perché tu sei sbagliata”; 
Le sue parole e il suo modo di parlarmi mi aiutarono molto e quando sentivo l’ansia salire continuavo a ripetermi quelle parole nella testa…gli attacchi sembravano essere diminuiti in fattore di frequenza. 
Andai in vacanza con Marco e misi NON SOLO DISTACCO MENTALE MA ANCHE FISICO CON LA MIA FAMIGLIA (in quei giorni nessuno di quei fastidiosi effetti si è presentato) ma tutto tornò esattamente come prima non appena tornai a casa. 

Tornai da Cristiana un pochino più sollevata in quanto avevo visto dei miglioramenti ma proprio in quell’occasione lei mi spiazzò letteralmente con domande alle quali non avevo mai pensato. 
Avevo sempre e solo guardato una delle due facce della medaglia. 
Nuovi fiori mi avrebbero aiutata… 
In quel periodo incontrai nel mio cammino una persona speciale che mi stava già vicino da tempo ma solo come amico… questa persona iniziò ad apprezzarmi, elogiarmi e mi fece venire dei dubbi… aveva parole buone e giuste in ogni istante! 
Iniziai a mettere in discussione la MIA VITA, IL MIO RAPPORTO con Marco. Quest’ultimo si accorse del mio cambiamento e provò a cercare di capire come mai ero così poco disposta a condividere qualsiasi cosa con lui anche le cose più futili…il perché è subito detto… l’unica volta che mi sforzai di farlo mi presi della scema perché mi facevo venire gli attacchi di panico senza motivo… 
Così, da allora, decisi di tenere TUTTO SOLO PER ME… in casa non potevo parlare perché il rapporto era quello che era e con Marco (che era il centro del mondo per me oltre che il mio confidente, il mio amico insomma il mio tutto) tantomeno perché lui non capiva come una persona può essere tanto debole da non riuscire a metabolizzare una situazione da farsi venire gli attacchi di panico… questo “TENGO TUTTO SOLO PER ME” durò una settimana dopo di che il mio corpo iniziò a dire basta….ero al lavoro e arrivò un attacco di panico forte come non mi era mai capitato in vita mia…tachicardia, sudore, brividi, rigidità, tremore e formicolio forte da non avere più sensibilità… credevo di morire !! provai la pressione sanguigna ma era perfetta. 
Attacco di panico in corso!!! Dovetti lasciare il lavoro e tornare a casa. Il giorno successivo tornai a lavorare con la scorta di RESCUE REMEDY… 
Capitò di nuovo in maniera molto molto più forte… Nel frattempo i fiori che stavo prendendo avevano assunto un cattivo sapore. 
In quel momento Cristiana mi diede tutte le informazioni necessarie per tirare avanti. I fiori avevano dato il via a dei sentimenti nascosti che uscirono allo scoperto … quello che io credevo il motivo delle miei malesseri era solo il contorno, insomma una conseguenza. 

Il mio rapporto con Marco era il problema…un amore fatto di rinunce, di continui accontentarsi per non creare casino, essere una persona che io in realtà non sono…era chiaramente arrivato il momento di mettere in chiaro le cose…Mi fermai e iniziai a pensare a quanto ne era stato di questi anni, delle sofferenze e delle gioie che avevo provato e mi feci questa domanda alla quale trovai subito risposta:”RIUSCIRESTI A VIVERE UNA VTA SENZA MARCO? E QUANTO PIU’ MALE DI ORA POTRESTI STARE? ”… Sapevo cosa dovevo fare ma la paura di restare sola era troppo grande… 



Cristiana mi disse: “IN CUOR TUO SAI COSA DEVI FARE, IMPIEGACI IL TEMPO NECESSARIO E DAI FEDE AL TUO INTUITO...LUI NON SBAGLIA MAI! 
NON APPOGGIARTI MAI AL 100 % AGLI ALTRI ALTRIMENTI FINIRAI PER CREARE RAPPORTI DI DIPENDENZA…FAI AFFIDAMENTO SU TE STESSA IN PRIMIS E NON AVERE PAURA DELLA PAURA…ALLE VOLTE VALE LA PENA AFFRONTARE LE COSE FIN QUANDO SONO DEI GRANELLINI DI SABBIA NON QUANDO SONO MONTAGNE…”; 

Diedi fiducia all’istinto e decisi di affrontare Marco… non potevo più stare con lui … Non potevo più rimandare e non avevo più voglia di stare male… così decisi di lasciarlo. Dietro al dolore di quel gesto c’era sollievo e tranquillità, quella che mi era mancata negli ultimi mesi. La prima settimana della mia nuova vita fu liberatoria poi piano piano realizzai di essere IN PACE CON ME STESSA e di sentire la mancanza solo dell’abitudine che ci univa…
HO RITROVATO IL PIACERE DI STARE SOLA CON ME STESSA, FARE SOLO CIÒ CHE MI FA STARE BENE E DIRE CIÒ CHE PENSO! 

Anche il rapporto con mia mamma è migliorato molto e si è consolidato…  Cristiana mi ha visto pochi giorni fa e ha ritenuto che il mio percorso fosse giunto al lieto fine…ATTACCHI DI PANICO SPARITI DAL GIORNO IN CUI HO PARLATO CON MARCO!

Ecco questa è la mia lunga storia…
vorrei ringraziare Cristiana per il percorso fatto e per la dolcezza che ha sempre avuto nei miei riguardi; la mia famiglia che c’è sempre stata anche se era lontana, quella fantastica persona che anche se per poco tempo mi ha aiutata a vedere le cose per come erano e a credere in me e a Dani un’amica speciale che mi ha sostenuto e coccolato in questo difficile periodo di cambiamenti.

RICORDATE, I CAMBIAMENTI SE FATTI CONSAPEVOLMENTE NON SONO MAI SBAGLIATI…
VALE LA PENA RISCHIARE DI CAMBIARE PER TORNARE A ESSERE SE STESSI!