domenica 22 dicembre 2013

AUGURI A TUTTI!



Carissimi amici di Terapia Floreale,

vi ringrazio uno a uno per l'entusiasmo che dimostrate nel seguire questo blog!
Per me è una grande spinta per continuare a esprimervi i miei pensieri e constatazioni, frutto di un lavoro personale di conoscenza sull'anima umana.

Grazie a tutte le persone che ho accompagnato e sto accompagnando in un percorso di guarigione e di crescita personale perché i loro pensieri, emozioni e atteggiamenti rappresentano un grande insegnamento.

Grazie a chi sta lavorando per risvegliare le coscienze, a chi vuole un mondo più evoluto, a chi si mette in gioco per gli altri e per sè stesso.

Il mio augurio per ognuno di voi e per il pianeta è il messaggio che ci dona l'essenza floreale dell'AGRIFOGLIO, che non a caso è il simbolo del Natale.

L'agrifoglio allontana il sospetto, l'invidia e la malfidenza sviluppando in chi lo assume la virtù dell'AMORE, un amore inteso come APERTURA DEL CUORE.

Più persone apriranno il loro cuore e più perdono, gentilezza, coraggio e UNIONE otterremo.

Buon Natale e un migliore anno nuovo!


sabato 14 dicembre 2013

LUISA TRA I FIORI DI BACH: UN RACCONTO PERSONALE DI GUARIGIONE


Miei carissimi lettori,

vi propongo con gioia la testimonianza di Luisa, una ragazza dolcissima che vive in Abruzzo e con la quale abbiamo cominciato un percorso di guarigione/evoluzione tempo fa.

Luisa è una persona trasparente e solare; quando la conosco capisco che ricopre molte responsabilità poiché gestisce un ristorante con la sua famiglia in un momento difficile come quello di oggi in Italia, si prende carico degli umori dei suoi cari e vive una storia d'amore travagliata lamentando dei problemi ginecologici e varie paure.

Le mie e sue soddisfazioni in questi ultimi mesi sono state parecchie:
proprio perché è una donna disposta ad aprire il suo cuore, risponde benissimo agli stimoli positivi che offrono i rimedi floreali; la sua evoluzione sta contribuendo a migliorare anche le persone che le stanno vicino, dimostrazione ulteriore che l'amore di una persona si riflette sugli altri.

La nostra collaborazione terapeutica è sempre avvenuta tramite Skype (vista la lontananza), perciò non ho ancora avuto la possibilità di abbracciarla di persona, ma spero arrivi presto l'occasione...
Ecco la testimonianza di Luisa:

"Sono Luisa, 37 anni, single, anzi, alle prese con una relazione particolare, ma con tutti i tipi di esperienze alle spalle: fidanzamento, matrimonio, divorzio, convivenza, ancora fidanzamento...E ora?

Ora vivo con l'amore e con i fiori di Bach e posso ironizzare, ma devo dire che fino ad un anno fa la mia vita non era così armoniosa come adesso.
Ho conosciuto i fiori per caso, la mia più cara amica li usava e continuava a ripetermi “anche tu ne hai bisogno”, ma, pensando di non avere nessun tipo di disagio, le rispondevo “si poi...”.
Nella mia mente mi ripetevo “non ne ho bisogno e poi chissà cosa mi può accadere? No e poi no”.

Intanto il numero della floriterapeuta stava lì sul mio pc, lo guardavo e riguardavo. I giorni passavano e io continuavo a guardare il numero di telefono di Cristiana.

Poi arrivò il giorno decisivo. Non ricordo esattamente cosa mi ha spinto a chiamarla, ma ricordo perfettamente di aver composto il numero e di aver fissato il primo appuntamento con lei.
Ero agitata, aspettavo il momento della nostra conversazione con un po' di palpitazione, ma poi durante quell’ora, non lo dimenticherò mai, ho pianto e sono usciti fuori gran parte dei cadaveri che tenevo nell’armadio.

Da quel momento iniziarono le mie settimane fiorite...che bello...pian piano ho assaporato tutti i cambiamenti del mio corpo e della mia mente; pensavo di non aver nessun problema con la mia famiglia, ma scavando a fondo ho trovato un piccolo tarlo che mi faceva compiere dei gesti che non mi appartenevamo. Ho così eliminato delle cattive abitudini in modo molto spontaneo e naturale.

Ne volete sapere una un po’ stravagante?!
Ero abituata a fare il bagno nel mare solo con occhiali da sole, addirittura non uscivo di casa se non avevo almeno tre paia di occhiali con me (uno in borsa, uno in macchina e uno indosso), mentre ora ho fatto pace con il sole: mi sono liberata dalla schiavitù degli occhiali e la mia pelle, un tempo molto delicata, ora non si scotta più.

Per non parlare poi delle sciarpe: sciarpe in montagna, sciarpe al mare, sciarpe ovunque per proteggermi, ma oggi, grazie alla terapia floreale, le sciarpe le ho dimenticate senza nessuno sforzo da parte mia e arrivando a mantenere un buono stato di salute.

Ma c’è di più... ho superato il terrore di restare a casa da sola e dormo serena ogni notte; il mio lavoro funziona meglio e addirittura alcuni debiti si sono risolti! Ho anche smesso spontaneamente di fumare.

In tutto questo, il mio corpo ha risolto il problema che aveva alle ovaie.
Dopo aver vissuto una situazione matrimoniale schifosa e aver cercato invano, per anni, di risolvere tutte le problematiche che si erano create, ora assaporo tutti i benefici del vivere con i fiori di Bach!"

Luisa ora è una donna coraggiosa in ogni senso: 
nel senso che non ha più tutte le paure che la spingevano a proteggersi, e nel senso che sa insegnare all'uomo ad amare.



domenica 8 dicembre 2013

IO DONNA SAPEVO


In questo post vi propongo la lettura di una bellissima poesia scritta da una mia collega, Maria Rosaria Todisco.

La poesia parla in modo profondo dell'essere donna, una donna che ha bisogno di risvegliarsi dalla sottomissione a cui è stata sottoposta per secoli; sì, perché se la vera donna, cioè la Dea dell'Amore che c'è in ognuna di noi, riconquista le sue facoltà, allora può aiutare il pianeta a salvarsi.


Io Donna Sapevo.

Sapevo essere Madre.
La Natura mi In-segnò
I miei passi sulla Terra
saldi e leggeri lungo la Via.
Senza chiedermi con chi fossi, andavo.
Incertezza, Paura, Sottomissione
non conoscevo.
La Vita in me era
guida verso la Vita.
una Regina nel Mondo
al Servizio del Mondo.

Arrivasti, Uomo,
con passo pesante
a calpestare la terra, la mia Terra.
Entrasti nel mondo, il mio Mondo
e conobbi
Incertezza, Paura, Sottomissione.
L’incedere elegante da me svanì.
Non seppi più andare
senza chiedermi con chi fossi.
Il buio rivestì la mia veste:
persi la Grazia innata,
non conobbi più l’andare
con passo saldo e leggero.
Viva priva di vita
sollevai il  manto e il capo coprii.
Mi sentii sola.
Secoli occorsero perché comprendessi.
Dal Profondo un Urlo emerse.

Disperata ad altra forza attinsi,
quella che mi annientò agii.
Non la mia Forza, Uomo, ma la tua
e con essa mi distrussi, questa volta da sola,
nell’’erronea convinzione
che la mia Natura fosse salva.

Il Corpo, dall’Uomo usato, da me svenduto.
La Mente incatenò la mia Libertà.
Lo Spirito annientato dall’urlo della Rabbia.
La mia Rabbia
Distrutta
Sconfitta
Debole
Ma sotto la cenere, indomita,
la Fiamma della Caverna
non smise di ardere
mantenne in vita la Luce.

Io Donna Segreta sapevo.
Il Fuoco del Tempio tutelai
affinché non si spegnesse,
affinché la Memoria non obliassi,
affinché la piccola Luce
testimoniasse ciò che
Io Donna Ero.

“Madre, mi sono persa”
“Figlia, ri-membra
sin dalla notte dei tempi
ti in-segnai:
Dona la vita, nutri la vita.
Sola sei, ma mai da me abbandonata.
Nel tuo Mondo Interiore riconosci
l’’Essenza del tuo essere Natura.
Nel mondo degli uomini
riconquista il tuo antico
saper andare da sola
con passo saldo e leggero.
Nei Mondi Siderali vedrai
le Verità rivelate.
Nella triplicità alchemica
il tre unisce, il tre moltiplica.
Figlia, quanti Mondi/Anima
hai esplorato?
e quanti ancora conoscerai?
È l’’Esistenza, Figlia:
la mia Eredità.

Madre, la Voce del tuo Canto
è l’’eco della Voce del mio Canto.
Io sono te, Tu sei me.
Il corpo reclama la Patria antica,
certa del fonema usurpato
oggi rivesto in me il Mater.

Io Donna ricordo, so chi sono.
Anfratti, rocce, pianure e alture,
fiume discende a valle
accolto dal Mare:
“Madre accoglimi nel tuo ventre,
voleremo nell’aria e Acqua torneremo,
disseteremo il seme
in attesa nel Buio della Terra
e una nuova Vita germoglierà.
Fluido e ritmico il ciclo vitale Musica pare.

Io Donna torno.
Calpesto il suolo natio
con passo saldo e leggero.
Da tempo la Terra, devastata, mi attende.
Uomo, guardami
Fiera e altera
Calda e accogliente
Madre e amante
Maga e strega
Uomo al tuo fianco camminerò
sostegno l’’un per l’’altra
occhi negli occhi
la nostra Anima incontreremo
e impareremo ad amarci.


- Maria Rosaria Todisco -


Potete trovare la poesia nella racconta intitolata "La voce silente" acquistabile cliccando QUI.


domenica 1 dicembre 2013

SIAMO ESSERI DI LUCE


Miei cari lettori,

il lavoro che porto avanti per cercare di liberare me stessa dalle prigioni del nostro sistema, mi permette di diventare consapevole dei moltissimi limiti che l'essere umano si crea. 

I casi delle persone che mi si presentano, ma anche l'osservazione dei comportamenti degli altri quando mi trovo a una cena o in posta o in una qualsiasi situazione sociale, sono il materiale di studio migliore che uno studioso dell'anima umana possa avere.

Esistono tantissime persone che non provano neppure a fare ciò che desiderano perché sono convinte che sarà troppo difficile, oppure pensano di non essere in grado di arrivarci.

In realtà, chi riesce in un progetto o in un'idea è proprio chi non si pone limiti e coltiva con convinzione il suo obiettivo; è questa l'unica differenza tra chi riesce e chi no.

Credere in sè stessi e nel proprio potere personale (che non ha niente a che fare con la forza fisica, ma con la volontà e l'AUTOSTIMA), lasciando che sia la vita a guidarci attraverso i suoi segni (una coincidenza, un sogno, le parole di una persona, un film, un libro...), fa sì che l'essere umano realizzi sè stesso.

E l'universo ne manda un'infinità di questi segni, se solo noi imparassimo a riconoscerli e a comprenderli.
Per fare questo, bisogna vivere con l'occhio attento di chi è curioso e aspetta una risposta, cercando di trovare il significato simbolico che esiste dietro ogni cosa che ci accade. E' questa la magia...

Siamo capaci di guarire da qualsiasi malattia, di curare gli altri, di adattarci a ogni situazione, di salvare un animale o una pianta; siamo capaci di qualsiasi cosa se ci crediamo veramente.

E' tempo di svegliarsi dal sonno ipnotico che il sistema ci ha indotto.
Chi si rifiuta di evolvere spiritualmente si scarta da solo... siamo esseri di Luce.




domenica 24 novembre 2013

E-BOOK "DI ENDOMETRIOSI SI GUARISCE": SECONDA REVISIONE


Ciao a tutti!
Sono felice di annunciare l'uscita della seconda revisione del mio e-book
"DI ENDOMETRIOSI SI GUARISCE".

Alla prima edizione è stato aggiunto qualche consiglio in più inerente alle tecniche olistiche che si possono praticare per aiutarvi a guarire.

Ho aggiunto qualche titolo di libri molto interessanti e utili da poter leggere per apprendere esercizi da praticare per migliorare il pavimento pelvico e, in generale, lo stato muscolare dell'apparato genitale e intestinale.

Infine, ho aggiornato la copertina con la fotografia di un'opera dell'artista Cinzia Carminati (www.cinziacarminati.it).



"Ti ringrazio molto per il libro che hai scritto e per la fiducia che infondi anche attraverso internet e spero di parlarti al più presto per raccontarti la mia storia." - Anonima -

Potete scaricare l'e-book cliccando QUI.
Buona lettura e buona guarigione!



domenica 17 novembre 2013

ANIMALI GUARITORI


Carissimi!
Come state? 
Scusate l'assenza della scorsa settimana, ma sto preparando l'ennesimo esame universitario che mi richiede parecchio tempo, tanto da dover saltare l'aggiornamento settimanale al vostro blog preferito: questo! ;-)

Oggi, però, lascio da parte per un attimo il libro di fondamenti di psichiatria perché voglio parlarvi del seminario che ho frequentato in questi ultimi due giorni. 
Sono stata al corso di essenze ricavate dagli animali selvatici tenuto dal loro scopritore in persona: Daniel Mapel.



Ho cominciato ad avvicinarmi alle essenze animali grazie a un sogno ricorrente che si è presentato negli ultimi mesi; nel sogno mi compariva sempre un animale preciso.

Siccome sono convinta che i sogni siano una guida, ho deciso di dare seguito alle indicazioni che la mia anima mi stava inviando attraverso il mondo onirico e ho deciso di provare ad assumere l'essenza che si ricava da questo animale.

Beh, la sopresa è stata forte perché l'effetto dell'essenza si è visto dopo soli due giorni di assunzione. La mia reazione rispettava in tutto e per tutto le indicazioni terapeutiche che riportava l'etichetta del prodotto.
Ancora una volta i sogni avevano ragione...

Da quel momento, come potete immaginare, ho cominciato a interessarmi tantissimo di animali medicina e di come anch'essi, come i fiori, possano essere dei grandissimi aiuti per noi esseri umani.

Le aspettative sono state soddisfatte pienamente in questi giorni in cui ho potuto conoscere Daniel Mapel, un uomo dal cuore grande che sta offrendo un contributo enorme all'umanità grazie ai suoi rimedi animali.

Daniel vive con la sua famiglia in una zona naturale degli Stati Uniti dove prepara le essenze connettendosi con lo spirito dell'animale.
Nessun animale viene catturato o privato di qualche sua parte nel processo di preparazione del prodotto.

Il messaggio che ci trasmette Daniel attraverso le sue essenze è, ancora una volta, di importanza vitale; un messaggio ecologico importantissimo e di grande rispetto verso Madre Natura e tutte le sue creature.

Ultimamente sto conoscendo molte persone che, come Daniel, attraverso le loro missioni, contribuiscono a migliorare l'energia terrestre. 
Ringrazio infinitamente l'universo che mi sta dando queste opportunità!

Venerati come sostegno e guida fin dai tempi più antichi, gli animali sono in grado di fornirci energia pura ed un potere personale primordiale che deriva direttamente dallo stretto contatto con la Terra e i suoi equilibri.

Lo sapevate che, ad esempio, l'essenza del bombo è importantissima per aumentare l'autostima?
Basti pensare che il bombo vola anche se è scientificamente provato che non potrebbe volare per le dimensioni delle ali sproporzionate al suo corpo.
Se il bombo sapesse che non può volare, non volerebbe. 
Invece non lo sa, e vola!!!

Oppure, la gazzella, preda preferita di tutti i predatori della savana africana, ci insegna che la vulnerabilità non è una debolezza.
Il delfino sviluppa la telepatia e la compassione; la colomba trasmette pace a chi la assume; il falco aiuta la vista; la tartaruga protegge; il tasso aiuta ad accettare e sciogliere la rabbia; la medusa è il miglior rimedio per lasciarsi andare al controllo; il passero ad avere fiducia che tutto ciò che succede è per il nostro bene; il bradipo insegna a rallentare i ritmi, eccetera...


Ogni persona dovrebbe cominciare a sperimentare le essenze floreali e animali, a frequentare qualche corso, oppure a cercare un contatto con la Natura.
Solo così potremo ristabilire l'equilibrio tra noi e il pianeta per una sana convivenza pacifica.


domenica 3 novembre 2013

MALATTIA = MANCANZA DI AMORE


La visione di massa della malattia è che questa è una brutta bestia che colpisce una persona sfortunata che non può far niente se non sperare di guarire.

Anch'io lo pensavo fino a qualche anno fa; prima di avvicinarmi alla terapia floreale ero convinta che i malati fossero dei poverini a cui è capitata una grande sfortuna, e che io stessa lo fossi quando per un anno ho dovuto subire delle dolorosissime iniezioni di penicillina per poi dover essere operata ugualmente.
Così come quando sono stata sottoposta a un secondo tipo di intervento ancora più invasivo qualche anno dopo. 
Con questa idea, ero anche piena di paure, oltre che di malattie. 

Poi ho cominciato ad assumere i fiori e a studiare i libri del dott. Edward Bach e via via hanno cominciato a delinearsi nella mia mente nuove visioni sul concetto di salute e di malattia.
Visioni che avevo sempre intuito dentro di me, ma alle quali non potevo dare seguito dato che tutti la pensavano in modo opposto. Mi sarei presa della pazza.

Studiando il dott. Bach, ho cominciato a riflettere molto sul concetto di malattia come espressione di un'impurità dell'anima, un segnale che questa utilizza per dirci che stiamo percorrendo un'idea sbagliata per noi stessi.

All'inizio è normale risentirsi di affermazioni tanto forti quanto diverse dal modo di pensare comune.
Eppure, quando la permalosità se ne va e lascia il posto alla riflessione, si comincia a sentirsi più forti. Si comincia a pensare che forse è vero il detto "ognuno è il miglior medico di sè stesso".

Ma quali sono questi "difetti"?
Ad esempio, i troppi sensi di colpa; l'esagerato senso del dovere; il vittimismo; il controllo esasperato; la mancanza di coraggio nel dare una svolta a situazioni che non ci stanno bene; la costante preoccupazione per i propri cari; il materialismo; l'infinito orgoglio; il fanatismo; la rabbia portata avanti per tanto tempo; il subdolo rancore; il dubbio persistente. Ma soprattutto, la mancanza di autostima.
L'auto-svalutazione è il peggior difetto alla base delle malattie, soprattutto di quelle autoimmuni.

La prova che la patologia nasce dalle emozioni negative sopra descritte ce l'abbiamo in natura. 
I rimedi floreali, riequilibrando i nostri difetti con le qualità opposte e innate in ognuno di noi, aiutano, indirettamente, a risolvere moltissimi malesseri.

Si. La natura ci fornisce la prova che è vero che la malattia trova le sue radici dentro di noi e che rappresenta il sintomo fisico di un'impurità dell'anima.




Certo in quest'ottica, la parola "poverino" rivolto a un malato, scompare.
Si comincerà a nutrire un'idea dell'essere umano diversa da quella comune e a vederlo per ciò che realmente è
UN CAPOLAVORO INENARRABILE (usando le parole di Silvano Agosti) al quale sono sempre state raccontate un sacco di bugie che l'anno convinto a sentirsi una vittima invece che un protagonista della sua vita, come in effetti è.

Per questo motivo, cari amici di questo blog, vi esorto con tutto il cuore a studiare i fiori di Bach e a mettervi in discussione il più possibile, senza essere troppo severi con voi stessi, ma nella ricerca di migliorarvi continuamente.

Solo così la maleducazione e la prepotenza, lo sfruttamento incosciente delle risorse del pianeta, l'ignoranza e la delinquenza che oggi regnano sovrane, potranno essere sostituite dalla gentilezza, dalla pazienza e dall'amore.

Perché solo cominciando ad avere una profonda stima per sè stessi, è possibile AMARE E RISPETTARE anche gli altri esseri umani e la natura, ed aiutarli a guarire.



domenica 27 ottobre 2013

SESSUALITA' E GUARIGIONE (parte seconda)


Carissimi,
avete letto il post precedente?
Voi che cosa ne pensate della sessualità come via di guarigione?

Personalmente, credo che sarà un argomento sempre più dibattuto, dato che ormai ne ha parlato anche la tv, anche se in senso diffamatorio.

Una delle più importanti regole del marketing, però, dice che "se ne parli bene o se ne parli male, l'importante è che se ne parli".

Finalmente, direi, l'argomento è uscito allo scoperto e ora ognuno ha la possibilità di costruirsi la sua idea personale.

Per quanto mi riguarda, studiando Freud all'università, ho cominciato a chiedermi se avesse ragione oppure no.
Freud sosteneva che tutta la vita di un essere umano dipende dallo sviluppo della sessualità che ha vissuto in età infantile.
Se queste fasi sessuali che Freud individuò non vengono risolte, l'individuo può sviluppare dalla semplice nevrosi alla più complicata psicosi.

Il padre della psicoanalisi sosteneva che le bambine possono risolvere il complesso di Elettra (il naturale istinto sessuale verso il padre e il conflitto con la madre rivale) con la rassegnazione di non avere il pene, accettando, per questo, la superiorità dell'uomo.
Beh, forse il buon Freud a una certa età ha cominciato ad abusare delle droghe di cui è risaputo facesse uso, ma ciò non toglie che ha portato un grande contributo per quanto riguarda la scoperta dell'inconscio e l'attenzione che ha posto sul ruolo della sessualità come garanzia di benessere, nonostante alcune sue opinioni possano essere condivisibili o meno.

Dopo di lui, Melanie Klein, Anna Freud, e tanti altri hanno continuato lo studio avviato da Freud, proponendo nuove teorie o modificando la sua.
Tuttavia, non è necessario studiare Freud o la psicologia per capire che la sessualità è determinante per la salute psico-fisica dell'essere umano.
Se pensiamo che è tramite la sessualità che ha inizio la vita...

Invece, oggigiorno il tema della sessualità è stato travisato e rappresenta un argomento tabù. Eppure ogni persona fa sesso, così come mangia, beve o dorme. Se bisogna vergognarsi e tenere nascosta la sessualità, allora ci si dovrebbe vergognare anche di mangiare, bere o dormire?
Non è, allo stesso modo, una pratica naturale, un bisogno legittimo dell'essere umano?

Il tenerla nascosta: è stato questo che l'ha fatta diventare, oggi, un problema sociale.

Donne che vengono violentate o che si prostituiscono, adolescenti che sfociano nella pornografia, uomini che non vedono l'ora di scappare al night club, ma anche sempre più casi di ejaculazione precoce o di impotenza.
Perché la TV non ne parla? Perché non si porta allo scoperto il problema e si tenta di risolverlo? Ve lo siete mai chiesto?
Dato il grave problema, perché non si educa alla sessualità nelle scuole?

Purtroppo, in una cultura limitata come la nostra occidentale, si tende a considerare l'argomento come qualcosa di sporco e di cui provare vergogna.
In realtà, oggi più che mai, dove le persone sono sempre più malate, bisognerebbe soffermarsi un attimo a riflettere.

La riflessologia ci insegna che ogni parte del nostro corpo ha dei collegamenti con gli organi principali: sotto la pianta del piede si trova la mappa di tutto il corpo, anche nel viso, nell'occhio o nell'orecchio. 
Stimolare dei punti specifici della pianta del piede o dell'orecchio, ad esempio, porterà a una corrispondenza nell'intestino, nel fegato, nel pancreas, eccetera.
Perché non dovrebbe essere lo stesso per gli organi genitali?
La medicina di altri popoli dice che è così.



Se l'Europa e gli Stati Uniti stanno diventando un enorme ospedale, bisognerebbe chiedersi se non è il caso di iniziare a cambiare qualche idea.

E se il sesso, che è un'energia potentissima, portasse davvero a delle guarigioni, se praticato costantemente con questo obiettivo?



domenica 20 ottobre 2013

SESSUALITA' E GUARIGIONE


Cari amici,
non è facile, oggi, parlare di sessualità senza essere fraintesi, ma questa volta affrontiamo un tema, in realtà, determinante per il benessere.

Sappiamo che le religioni hanno trasformato il sesso in un argomento tabù; 
hanno fatto in modo, attraverso i secoli, che per la maggioranza degli uomini diventasse pornografia e per molte donne una vergogna, e per altre addirittura un lavoro.

In nessuna scuola si insegna a vivere in modo sano la sessualità, benché sia uno dei più grandi problemi della nostra società.

Eppure, tutti i più famosi autori e psicologi della storia (di cui nelle università ci fanno memorizzare solo poche nozioni sterili) hanno puntato l'attenzione sul ruolo che ha una sessualità vissuta male nello sviluppo delle nevrosi, delle psicosi e delle malattie.

Se pensiamo che la vita si crea attraverso l'atto sessuale, è detto tutto.

Lo sapevate, ad esempio, che le cellule dell'apparato cardio-vascolare sono le stesse dell'apparato genitale?

Oggi, il risveglio della consapevolezza deve andare di pari passo a quello dell'amore sessuale.
Perché questo avvenga, molti grandi autori contemporanei stanno compiendo un importante lavoro di divulgazione sull'importanza del vivere l'atto sessuale come unione totale di due corpi e due anime.

Tra questi: Osho, Alejandro Jodorowsky, Simona Oberhammer, Silvano Agosti,
Raffaele Morelli e moltissimi altri sono impegnati a trasmetterne il risveglio attraverso libri e seminari.

Anche il prof. Hernàn Huarache Mamani, curandero e sacerdote peruviano, prosegue con amore e determinazione la divulgazione di una nuova cultura sessuale.
DOMENICA 15 DICEMBRE 2013 a Milano si terrà una giornata intitolata "L'energia sessuale come via di guarigione" dove il professore spiegherà l'importanza di un cambiamento in questo senso.

Il contributo è di 80 euro e il ricavato verrà devoluto alla “ESCUELA DE LA VIDA Y DE LA PAZ” di Arequipa in Perù.Per saperne di più potete contattare l'indirizzo mail: segreteria.pravida@gmail.com o chiamare il numero 339.6155553


“A livello profondo, l’energia sessuale
ci permette di costruire un ponte che
collega il mondo visibile con il mondo invisibile.

Così il sesso, se è fortemente radicato nell’anima,
è il punto di partenza del corpo ed è il fondamento
per raggiungere la conoscenza, la verità. Fino ad arrivare a Dio.

Il sesso vissuto con conoscenza e amore,
permette alla coppia di entrare nell’iperspazio,
di visitare e conoscere le altre dimensioni della Natura.

Il sesso è uno strumento per comprendere i grandi misteri dell’universo,
per dirigersi verso altri mondi, visitare altre dimensioni,
viaggiare nel tempo e nello spazio, nel futuro o nel passato,
come facevano i nostri avi.

Per questo, è necessario conoscerlo, se desideriamo evolverci”

Hernan Huarache Mamani - tratto dal libro “La donna d’argento”





lunedì 14 ottobre 2013

VACCINO ANTINFLUENZALE? NO GRAZIE, PREVENGO CON I FIORI


Bentrovati cari amici!

Qui è arrivato l'inverno e questo weekend ho calpestato la prima neve. Cominciano anche i primi malesseri stagionali e qualcuno mi ha domandato che cosa ne penso del vaccino antinfluenzale e in che modo ci si potrebbe rinforzare senza ricorrere a questo.

I vaccini sono un'arma a doppio taglio; se da un lato possono (apparentemente e non sempre) renderci immuni contro una malattia, dall'altro interferiscono sulle nostre cellule forzando il sistema immunitario e intossicando il fegato.

Sappiamo ormai quanto i vaccini siano pericolosi per i neonati, ad esempio.
Il nostro sistema immunitario è talmente perfetto che non ha bisogno di essere modificato, e poi la natura, in qualsiasi caso, deve fare il suo corso.

Comunque, se posso capire l'esistenza di un vaccino contro la meningite, non posso ammettere quello per l'influenza.

L'influenza, dal mio punto di vista, è un momento di riposo dell'organismo.
Se l'influenza arriva, significa che abbiamo bisogno di riposo, semplicemente.


Perché dobbiamo sforzarci di non ammalarci neanche una volta durante l'inverno? Casca il mondo se dobbiamo restare a letto per qualche giorno?
Non credo...

Questa mentalità sociale del non permettersi neppure un raffreddore, sta portando le persone a essere sempre più malate.

Infatti, i vaccini antinfluenzale spesso non funzionano, e le persone si ammalano comunque di un altro tipo di influenza diversa da quella per cui si sono vaccinate. Oppure sviluppano forme allergiche di vario tipo.

Se il vostro problema è un immunitario debole, cercate innanzitutto di rivedere il vostro stile di vita e le vostre emozioni, poi valutate un'alimentazione diversa.

Non ultimo, la natura ci ha offerto dei prodotti che sono in grado, con molta dolcezza e spontaneità, di rinforzarci e aiutarci a superare l'inverno senza troppi acciacchi: le ESSENZE FLOREALI.

Per informazioni potete scrivermi una mail a info@terapiafloreale.it
o chiamarmi al 328 8171805




domenica 6 ottobre 2013

UNA SCELTA D'AMORE: LA TESTIMONIANZA DI MARCO


Carissimi amici,
in settimana ho letto su facebook una testimonianza che ho subito pensato di dover condividere su questo blog.

L'esperienza è quella di Marco, un uomo che sta guarendo da un carcinoma epatico e che desidera far sapere a sempre più persone che, come sta facendo lui, di cancro si può guarire, senza chemioterapie.

Ho contattato Marco chiedendogli il suo consenso a condividere la sua esperienza qui e lui mi ha risposto prontamente scrivendomi: "io sono convinto di una cosa, le persone prima devono sapere, cosi possono scegliere".

Lo penso fermamente anch'io, perciò qui di seguito trovate le parole che Marco ha scritto su un gruppo facebook di medicina naturale e il link del suo sito, dove si possono trovare tantissime e utilissime indicazioni per una dieta sana oltre a una grande energia positiva.

Potete seguire il percorso di Marco anche a questo link: https://www.facebook.com/carcinomaepatico

"Ciao a tutti, voglio presentarmi lasciandovi il link della mia testimonianza...
Contro ogni statistica e contro la convinzione della medicina convenzionale sto combattendo il cancro al fegato e le prime battaglie le sto vincendo io....

ho rifiutato la chemioterapia puntando tutto sul mio sistema immunitario, su una buona alimentazione (tendenzialmente crudista) , sulla mia mente e cure alternative....

Io non voglio morire, non sono pronto per abbandonarvi...

Così ho deciso di lottare e vincere, perchè io voglio vincere..
voglio vincere indiscutibilmente, volere è potere.
mi tocca affermare al paradosso...

ma scrivo convinto di quel che dico....

il cancro mi ha restituito la vita, mi ha illuminato, risvegliato..

wiwa il mio cancro ......................

Spero la mia testimonianza possa essere utile ad altri che come me non sono pronti alla chiamata... www.carcinomaepatico.it

nella mia testimonianza cerco un pizzico di forza in più per me e tanta forza che vorrei trasmettere a chi vive la mia situazione senza reagire, aspettando inesorabilmente la morte.. 

ogni sentenza si può sovvertire, bisogna crederci, crederci sempre..

il mio carcinoma è considerato incurabile...
specialmente per chi, come me, ha metastasi linfonodali...
per la medicina convenzionale dovrei già essere al cimitero...

invece sono qui con voi, in buona salute e con un risveglio mentale che manco immaginavo...

devo ammettere che mi faccio un mazzo tanto - 
ma arrivati qui, nessuna fatica è insopportabile..

dimenticavo, sto abbracciando il crudismo convinto sia la strada maestra per risistemare le mie cellule, sono ancora trasgressivo ma faccio passi verso il crudo vegetale in maniera decisa e convinta…
mentre vi scrivo mi sto sorseggiando il mio succo vegetale verde….

p.s. Il mio cancro mi ha scosso - internet mi ha illuminato - la natura mi sta curando - poi c'è Dio che mi da la forza".


Voglio ringraziare Marco per aver scelto di condividere la sua esperienza su questo blog, ma soprattutto in tutta la rete internet attraverso il suo sito.
La sua è una scelta d'amore... verso sè stesso e verso il mondo.



lunedì 30 settembre 2013

UOMO E DONNA SU PIANETI DIVERSI


Carissimi lettori,
la maggior parte dei problemi di coppia che vedo in terapia, sono dovuti a un'idealizzazione sbagliata del proprio partner.

Il sistema ci spinge a contrattualizzare l'amore attraverso il matrimonio e, contemporaneamente, a portare avanti alcuni valori che non hanno niente a che vedere con lo stesso amore, inducendoci verso la separazione.
Tutto sempre per una questione di business.

Voler condividere a tutti i costi una propria passione con l'altro è una di quelle imposizioni sociali per risultare una buona coppia agli occhi degli altri, ma spesso è il metodo più efficiente per litigare.

Cerchiamo di staccarci dal giudizio sociale e di capire i reali bisogni dell'altro.

Il libro "Gli uomini vengono da Marte e le donne da Venere" è un buon inizio per comprendere come andare verso l'unione, così come vuole la natura, e non verso la separazione, come ci impone sottilmente il sistema.

L'invito che vi rivolgo è quello di accettare l'altro per ciò che è, senza (se sei una donna) cercare di cambiare necessariamente un uomo e senza (se sei un uomo) dover trovare soluzioni ai problemi della tua compagna, basta ascoltarla.

Buona lettura!



domenica 22 settembre 2013

CONSIGLI ALIMENTARI: QUALI SCEGLIERE?


Dieta Dukan, dieta a zone, dieta senza muco, dieta dei gruppi sanguigni: 
abbiamo solo l'imbarazzo della scelta.
Eppure, se l'amico ha avuto degli ottimi risultati con una di queste, magari con noi la stessa dieta può non funzionare. 
Perché?

Non sono una nutrizionista, nè una dietologa, ma molto spesso mi capita di ascoltare testimonianze di persone che hanno seguito un certo regime alimentare con tutta la buona volontà, indipendentemente che lo scopo fosse di dimagrire, di purificarsi o di raggiungere un certo benessere generale, ma che questo non abbia funzionato granché.
Il mio intento resta quello di aiutarle a risolvere le cause emozionali del problema.

In base a tutte queste esperienze, mi sono fatta un'idea: 
che le diete propinate non possono funzionare con tutti, e questo perché le leggi seguono sempre lo stesso principio, quello che siamo tutti diversi.

Allora, come fare per raggiungere il proprio obiettivo alimentare?

Innanzitutto, bisogna valutare l'intenzione primaria per cui si decide di cominciare una dieta. 
Se questa è il solo dimagrimento, c'è un fattore che è basilare, ma che viene molto sottovalutato: la propria costituzione corporea.
Cioè, se abbiamo una corporatura tendente al robusto, non potremo mai diventare una Kate Moss o un David Beckham. 
Tuttavia, i nostri ideali sono spesso molto ambiziosi e, alimentati dagli stereotipi sociali, diventano troppo elevati, al punto che se non riusciamo a raggiungerli ci sentiamo frustrati e incapaci, quando in realtà, la cosa più corretta da fare, è accettarci e stimarci per come siamo (con la pancia, con i fianchi larghi, troppo alti, troppo bassi, eccetera...). A questo proposito, le essenze floreali ci possono aiutare moltissimo nel processo di autoaccettazione.

Ciò non toglie che una sana alimentazione non possa giovare all'organismo. "Che il cibo sia la tua medicina" diceva Ippocrate. 
Un buon regime alimentare è essenziale per star bene, e ce lo possiamo anche costruire noi, semplicemente abituandoci ad osservarci.

Cerchiamo di fare caso a come stiamo dopo aver mangiato particolari alimenti, quali sono le reazioni del nostro corpo, se si gonfia la pancia, se si digerisce bene, ad esempio.
Più ascolto le esperienze delle persone, più capisco che non esiste una regola, ma che ogni regola va adattata e modificata in base al proprio caso personale.

Certo, sappiamo che alcuni alimenti sono più sani in generale di altri: 
verdure, frutta, cereali integrali, riso, frutta secca. Però, c'è chi non digerisce bene se mangia frutta, chi si gonfia dopo aver ingerito alcune verdure.


Perciò, se vogliamo sentirci bene, adattiamo alle nostre caratteristiche personali ogni tipo di alimentazione che ci ispira e testiamo su noi stessi se può essere valida
In pratica, anche in questo caso, impariamo ad ascoltare il nostro corpo che è molto sincero e diretto nelle sue risposte.

E cerchiamo di non essere neanche troppo rigidi con noi stessi. Se abbiamo voglia di mangiare un dolce, una pizza o qualsiasi altro alimento controindicato dalle diete ufficiali, soddisfiamo ugualmente il nostro palato. 
Questo fa molto bene all'umore, e concederci una coccola culinaria è molto importante nella quotidianità frustrante che conduciamo.

Vedo persone perdere 5kg in un mese mantenendo lo stesso regime alimentare, semplicemente risolvendo alcune problematiche emozionali e relazionali grazie alla terapia floreale.

Infine, se abbiamo la voglia e la determinazione di pulire i nostri organi e risolvere infezioni e malattie, il digiuno può essere una pratica molto valida.
A questo proposito, vi invito a leggere il post dedicato (clicca qui).

Il corpo è la dimora dell'anima; come teniamo in ordine e pulite le nostre case e le nostre automobili, dovremmo innanzitutto tenere puliti i nostri organi, con buoni pensieri e un'alimentazione adeguata a noi stessi.